promorama.it ` last update` 16 Settembre 2019 - P.IVA 01837450509
Promorama, music promotion services
Share: Twitter Delicious Reddit digg stumbleupon                      
home
labels
bands
tour dates
newsletter
press room
about us
contacts
search
search
01 | 02 | 03 | 04
| promo-tools.ZIP Multimedia
cover



Gold Chains & Sue Cie
When The World Was Our Friend
last update: 22.09.2004

intro | biografia | discografia | links | multimedia | archivio


BIOGRAFIA


Uno sceneggiatore hollywoodiano non potrebbe immaginare nulla di piu' romantico dell'incontro tra Topher La Fata e Sue Cie: pioggia battente, due persone che trovano riparo ad una fermata d'autobus a San Francisco…parlano del tempo e in breve diventano amici.
Kit Clayton, che gia' lavora con Sue alla Orthlong Musork, è un importante punto di contatto tra i due.
Dopo le prime collaborazioni, basate sul vecchio ed abusato adagio "l'uomo pensa ai beats e la donna canta", Toph e Sue creano il loro progetto, indipendente e paritario (non per niente si definiscono "San Francisco Art Punks"), chiamato appunto Gold Chains & Sue Cie.

La Fata: "Sono contento che l'abbiamo fatto. È bello avere qualcuno con cui condividere la tua vita artistica. Immaginiamo l'arte come un continuo confronto personale e spartirsi il carico di questa attivita' rende la lotta per esprimerci come artisti e come esseri umani meno pesante."

Con "When The World Was Our Friend", Gold Chains & Sue Cie presentano un album che si focalizza sulla struttura delle canzoni; non si tratta di un album hip-hop ma di un progetto che da' spazio a molteplici elementi.
Il loro stile, infatti, combina house, garage, punk e techno, raggiungendo un suono pop davvero unico, grazie anche al coinvolgimento di Vladislav Delay (Luomo), che ha coadiuvato il duo nelle ultime fasi delle registrazioni.

Sue Cie: "Lavorare con Delay è stato fantastico. Una delle cose che ha contribuito a far funzionare così bene la nostra collaborazione è stato il fatto che tutti e tre siamo cresciuti seguendo gli stessi stili e musicisti e apprezzando cose molto simili nella vita in generale. Per questo è stato così facile lavorare insieme."

Fonti di ispirazione per Toph e Sue sono, oltre a Delay, artisti quali Black Flag, Minor Threat, Coil, Nass El Ghiwane, Chain Reaction, Jane's Addiction, X e generi come la psichedelia anni '60, il soul, la minimal techno e la house.

La Fata: "Mi piace che una canzone mi dia i brividi. Questo è quello che cerco nella musica."

E man mano che il loro scambio intellettuale e musicale cresce e varia, idee nuove e sempre piu' diversificate fanno la loro apparizione, mentre il loro suono si apre sorprendente e sfaccettato grazie anche ai contributi di Kit Clayton e AGF.