promorama.it ` last update` 03 Aprile 2020 - P.IVA 01837450509
Promorama, music promotion services
Share: Twitter Delicious Reddit digg stumbleupon                      
home
labels
bands
tour dates
newsletter
press room
about us
contacts
search
search
01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06 | 07 | 08
bio.PDF | promo-tools.ZIP | Press-Clips.PDF| Multimedia
cover



Niobe
White Hats
last update: 27.04.2006

intro | biografia | discografia | links | multimedia | archivio


BIOGRAFIA


Con "White Hats" Niobe ci consegna il suo album piu' accessibile di sempre, dopo i lavori su Sonig "Tse Tse" (2003) e "Voodooluba" (2004); un album che riflette i ricordi di una vacanza sulla neve delle Alpi svizzere negli anni Cinquanta e che porta con se', i miracoli e i misteri della natura di montagna nonche' tutto il romanticismo di cui il mondo di oggi e' capace.

Con questo nuovo lavoro Niobe torna all'etichetta del suo debutto del 2001 "Radioersatz", la Tomlab di Colonia, con l'intenzione di mantenere l'integrita' e l'originalita' delle sue bellissime melodie senza decostruirle o dissimularle.

E l'operazione funziona, visto che Niobe riesce a dare a "White Hats" una grande varieta' di sfumature e combinazioni sonore che illustrano la grande facilita' con cui attraversa i momenti piu' ispirati degli ultimi decenni di cantautorato; grazie all'unicita' della sua voce, poi, le sue canzoni cominciano a respirare e a trasmettere un'incredibile varieta' emozionale.
Prendete la title-track, ad esempio, una sorta di ninna-nanna country in cui Niobe canta la solitudine di una vallata nebbiosa da cui vedere le cime innevate, poco prima che l'oscurita' piu' profonda vada a coprire tutto che fa il paio con una vera hit soul come "Give All To Love".

Nessuno avrebbe pensato all'inizio della sua carriera come “artista del suono” che Niobe avrebbe poi scritto pezzi come "Cool Alpine", una canzone che molto probabilmente riporterebbe Phil Spector indietro nel mood dell'era disco-funk. Niobe conduce questa sfida con leggerezza ma visto che il suo intento non e' quello di flirtare con la disco, finisce poi per lasciare la canzone dopo due minuti di estasi pop.

Perche' e' proprio il panorama pop ad interessarla in modo particolare in questo "White Hats", in cui ambient-bossa-nova ("Surround the Hover") e hip-hop con un tocco di gospel ("Up Hill And Down Dale") convivono in modo sublime.

La voce appassionata di Niobe vaga tra mondi diversi e molteplici, spostandosi su paesaggi pittoreschi e svelando i suoi magnifici poteri attraverso linee di chitarre cristalline. Usa i colori, Niobe, e le sensazioni che ne derivano: c'e' un lato rosso/disturbante e un altro blu/rilassante nella sua voce ed entrambi, insieme, riescono a guidare chi e' perduto nell'oscurita' fino ad un rifugio sicuro.

Molto diverse da quelle presenti nei suoi precedenti lavori, le nuove canzoni di Niobe sono sempre intrise di ottimismo, forse a causa dell'esperienza maturata durante la registrazione delle tracce piu' house di “Radical Connector”, l'ultimo lavoro dei Mouse On Mars, al quale ha contribuito con la sua splendida voce.