promorama.it ` last update` 07 Aprile 2020 - P.IVA 01837450509
Promorama, music promotion services
Share: Twitter Delicious Reddit digg stumbleupon                      
home
labels
bands
tour dates
newsletter
press room
about us
contacts
search
search
01
bio.PDF | Press-Clips.PDF| Multimedia
cover



The Sword
Gods of the Earth
last update: 25.01.2008

intro | biografia | discografia | links | multimedia | archivio


BIOGRAFIA


Con l'uscita di Gods Of The Earth, il loro secondo album appena finito di registrare, i The Swords ripartono dal grande successo di critica che aveva accolto l'album di debutto Age Of Winters per proseguire nel loro ruolo di avanguardia metal dei nostri giorni.

Nati ad Austin, Tx, i The Sword prendono la forma di quartetto agli inizi del 2004 quando il chitarrista/cantante J.D.Cronise, il chitarrista Kyle Shutt, il bassista Bryan Richie e il batterista Triwett Wingo uniscono le proprie forze. Le apparizioni live di The Sword diventano, rapidamente, i concerti più esplosivi ad Austin, per i loro pezzi pesanti e melodici al tempo stesso, per il loro immaginario mitologico e per la loro capacità di rapire l'audience lasciando sbigottiti i propri fans mentre il passaparola continua a far crescere il profilo della band. Nell'autunno del 2005 i The Sword firmarono per Kemado Records, che pubblica Age Of Winters nel febbraio 2006.

Dal momento in cui esplode "The Sundering", brano di apertura di God's of the Earth, appare evidente che i The Sword sono riusciti a creare un sound assolutamento unico. God's of the Earth è un album più ambizioso, più compiuto e semplicemente più potente del precedente, con i suoi passaggi devastanti, il suo drumming tuonante e le sue enormi linee di basso che tagliano l'aria come falci spazzando via tutto ciò che incontrano sul loro cammino. La voce minacciosa di Cronise tesse racconti fantastici pieni di miti e mitologia. Ondate di riff devastanti la fanno da padrone in pezzi come "Maiden, Mother & Crone", "Fire Lancesof the Ancient Hyperzephyrians", "Under The Boughs" e in "The Black River" un brano che lascia attoniti. Gods of the Earth comunica istantaneamente quello che le parole possono solo cercare di descrivere:i The Sword non sono una band da prendere alla leggera.