promorama.it ` last update` 23 Agosto 2019 - P.IVA 01837450509
Promorama, music promotion services
Share: Twitter Delicious Reddit digg stumbleupon                      
home
labels
bands
tour dates
newsletter
press room
about us
contacts
search
search
01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06
bio.PDF | Press-Clips.PDF| Multimedia
cover



Kisses From Mars
Birth Of A New Childhood
last update: 29.09.11

intro | biografia | discografia | links | multimedia | archivio


BIOGRAFIA


La psichedelia/Rock, sapientemente rivista con grande personalità, è l'idea alla base del sound di questa band, che scrive musica e testi (in inglese) in maniera assolutamente originale.
Kisses From Mars nasce nel 2004 e, dopo lunga gestazione, pubblica “(Once upon a time) Down in A White Peacocks House” nel 2008; un Ep totalmente autoprodotto, registrato e mixato da Andrea Lepri (compositore e autore con laVis, Radis, Palustre e fonico RAI ) che ottiene un ottimo riscontro sia dalla stampa locale che da quella specializzata.

Nel 2009 inizia la collaborazione con Disco Dada Records che porterà all’uscita, nel Febbraio 2010, del secondo lavoro, intitolato “Sunset of the Giant”, EP promozionale registrato e mixato da Gianluca Lo presti (Nevica Su Quattro Punto Zero) e Lorenzo Montanà (Tying Tiffany, Simona Gretchen etc) negli studi dell’etichetta, che anticipa la pubblicazione di “Birth Of A New Childhood”, primo album ufficiale.

I quattro componenti della band nascono tutti come chitarristi e nel live spesso si alternano agli strumenti.

I testi di Kisses From Mars parlano di cambiamenti, dell'evolversi delle situazioni per approdare a un nuova era, come il titolo stesso del nuovo disco fa presagire; “Birth of a New Childhood”, appunto, la nascita di una nuova infanzia intesa come rinascita verso un cambiamento epocale.
“Sunset of the Giant”, brano strumentale, allude alla caduta del “gigante”, la società dei consumi destinata a un inevitabile collasso.
“Sedna” è il nome di un pianeta scoperto da pochi anni, ma anche la divinità Inuit degli oceani che, adirata contro gli uomini che stanno perpretando la distruzione del suo regno e dei suoi abitanti, li punisce con tsunami e inondazioni.
“Pyramid” parla delle piramidi intese come disegno magico e divino.

Altri testi sono piu onirici e visionari come “Senses” che parla, appunto, dei nostri sensi o “Tide” , viaggio consapevole all'interno della psiche.

Dal vivo, quando è possibile, la band si avvale della presenza di una ballerina che interviene tra il pubblico per rappresentare col suo corpo i suoni generati sul palco.

Kisses From Mars predilige la comunicazione attraverso i suoni rispetto a quella attraverso le parole.