promorama.it ` last update` 16 Novembre 2018 - P.IVA 01837450509
Promorama, music promotion services
Share: Twitter Delicious Reddit digg stumbleupon                      
home
labels
bands
tour dates
newsletter
press room
about us
contacts
search
search
01 | 02 | 03 | 04 | 05 | 06
bio.PDF Multimedia
cover



As Madalenas

last update: 24-08-2018

intro | biografia | discografia | links | multimedia | archivio

As Madalenas
“Vai, Menina”

“Vai, Menina” è il secondo album delle “As Madalenas”, il duo composto dall’italiana Cristina Renzetti e la brasiliana Tati Valle. Dopo il brillante esordio di “Madeleine”, a cui hanno fatto seguito tre intensi anni di live, le due musiciste hanno spinto ulteriormente la loro ricerca verso un suono energico e al tempo stesso sognante.  Originali e spontanee, le Madalenas continuano a stupire dal vivo con un'ondata di bellezza e femminilità. 
 
“Vai, Menina”, come suggerisce il titolo, è un invito ad andare avanti, con entusiasmo e passione, ma anche a salutare il passato, con gratitudine e riconoscenza. Menina Do Sol, Verde, Papo de Mulher sono i tre inediti che tracciano le linee guida del disco: l’amore per la vita come promessa quotidiana, la potenza e il mistero della natura e l’ironia e la “malandragem” del samba. E poi l’universo dei sentimenti femminili spiegato in Millacrima, una ballata moderna con un delicato sapore trip-hop, un inedito adattamento in italiano di un brano del paulista Itamar Assumpçao e la poetessa Alice Ruiz.  

E poi le rielaborazioni di brani della canzone d’autore brasiliana in perfetto stile madalenico: c’è Chico Buarque, nella versione in italiano di “Olé olà” e lo struggente “Sem Fantasia”, c’è una partitura per voci e archi scritta da Valentino Corvino del famoso “Leãozinho” di Caetano Veloso, una canzone della tradizione nordestina di Geraldo Azevedo arrangiata dal grande clarinettista Gabriele Mirabassi e ancora Chico César e João Bosco.

Special guest, in un disco ricco di ospiti, in una piccola perla a tre voci è Guinga, ritenuto ad oggi uno dei più grandi compositori viventi della musica brasiliana. 
Chiude il disco, come un divertissement, una versione madalenica di “Everything’s Alright” di Andrew Lloyd Webber, suonata da due grandi strumentisti come Vince Abbracciante alla fisarmonica e Giancarlo Bianchetti alla chitarra.