promorama.it ` last update` 15 Dicembre 2019 - P.IVA 01837450509
Promorama, music promotion services
Share: Twitter Delicious Reddit digg stumbleupon                      
home
labels
bands
tour dates
newsletter
press room
about us
contacts
search
search
01 | 02
bio.PDF Multimedia
cover



Trrmà

last update: 18.09.2019

intro | biografia | discografia | links | multimedia | archivio

“Quando ho letto ‘Composizione STOCASTICA’ nella vostra e mail, siete apparsi come un fantasma del mio passato, qualcosa che ho sempre provato a studiare, a capire, ma che poi ho sempre messo da parte…quindi mi sono chiesto: Perché no?!
Se loro lo fanno, sarà sicuramente divertente”

Charlemagne Palestine

La composizione stocastica rende “semplice” la comunicazione fra musicisti che non hanno mai suonato insieme consentendo, a ognuno, autonomia nell’esecuzione e nell’interpretazione.

Nonostante questo, il nostro obiettivo prima del lavoro in studio è stato quello di passare del tempo con Charlemagne, per avere più chiaro ciò che stessimo per generare e che opinione avessimo l’uno dell’altro.

Si intende per casualità una successione di note, una successione di suoni, ambientazioni casuali scritte e non dettate dalle emozioni, discostandosi così dall’improvvisazione radicale.
Quindi, per quanto casuali possano essere le composizioni, sarebbe bene che il rapporto tra i musicisti che lo interpretano fosse disteso e cosciente.

Dopo il suo concerto nella città di Bari, abbiamo passato due piacevoli giorni insieme: due giorni in cui ci si è espressi sulle idee e sulle possibilità di poter creare qualcosa di efficace nel poco tempo a disposizione (oltre ovviamente ad averci raccontato delle storie pazzesche che non staremo qui ad approfondire).

La strategia musicale che avevamo pensato noi TRRMA’ era quella di preparare delle composizioni sviluppate in tabelle che lasciassero lo spazio necessario alla musica di Charlemagne.
Delle tabelle sulle quali Charlemagne si sarebbe potuto esprime liberamente, pensate in maniera tale da poter avere la possibilità di seguirci reciprocamente pur non avendo la minima idea del risultato che avremmo ottenuto dall’interazione.

Dopo la giornata di registrazioni, Charlemagne - he ha apprezzato le nostre passeggiate intorno alla città- avrebbe “autoritariamente” coniato il nome del disco, appunto:
“SSSEEEEEGGGMMEEENNNTSSS FROOOOMM BAAAARRRIIIII”.

“Non ho mai fatto più di una take in studio di registrazione, ma questa prima parte mi piace davvero…sarebbe la prima volta…voi che ne dite? Ve la sentite di farne un’altra?”
Charlemagne Palestine